Cane ucciso a colpi di arma da fuoco a Champigny-sur-Marne: il residente morso sporge denuncia per abuso

Sconvolta, arrabbiata, contusa, questa residente del distretto di Mordacs a Champigny-sur-Marne, molto attaccata alla causa animale, ha visto un cane abbattuto davanti ai suoi occhi questo mercoledì sera dopo essere stata morsa lei stessa. Ha sporto denuncia per maltrattamento, denunciando un cane passato di mano in mano, senza un padrone serio, debole e spaventato.

La scena, filmata da un balcone strapiombante della residenza Plateau, è stata pubblicata e massicciamente condivisa sui social network. In primo piano, un gruppo di agenti di polizia sta arrestando un giovane. A pochi metri di distanza c’è un cane di tipo personale tenuto da un residente attraverso il cancello. “Si era avvolta un brutto guinzaglio intorno alle mani ma il cane lo tirava forte, la bruciava, mi ha chiesto aiuto. Sono venuto a prenderlo”spiega questo residente locale tutto vestito di bianco. L’animale ha poi morso la coscia destra della donna. Un poliziotto è venuto frettolosamente a prendere a calci il cane per farlo lasciare andare. “È successo tutto così in fretta. Mi ha lasciato andare pochi istanti prima che arrivasse il poliziotto e gli prendesse a pugni lo stomaco. Avrei potuto scappare ma non ho avuto tempo. A causa del calcio, il cane mi ha morso di nuovo. Il poliziotto ha sparato a pochi centimetri da me. Mi dispiace molto. La brigata cinofila non era ancora arrivata. C’era altro da fare che sopprimerlo. Potrebbe essere stato prelevato da un’associazione specializzata”.

Dopo aver ricevuto i primi soccorsi dai vigili del fuoco in una palestra vicina, la giovane è stata portata al pronto soccorso dell’ospedale Saint-Camille di Bry-sur-Marne dove è stata curata per diversi morsi alla gamba. Sono stati necessari quindici punti per ricucire la ferita alla coscia. In arresto, attende la sua visita al reparto medico-giudiziario. Nel frattempo ha sporto denuncia per maltrattamento di questo animale e ha chiesto un’associazione per la difesa degli animali. “Il cane era stato affidato a una ragazzina di 15 o 16 anni. Furono le sue grida di dolore ad allertare il vicinato. È stata morsa quattro volte a una gamba. Quando sono uscito, ho visto diverse persone prendere a calci l’animale per liberarlo. Abbiamo portato via l’animale, davanti alla residenza. Mi sono accorto che era molto magro, pieno di cicatrici, che sembrava spaventato. La sua imbracatura e il guinzaglio non erano affatto adattati alla sua morfologia. Sono il proprietario di un cane di tipo personale, sono orsacchiotti quando sono ben educati. Non sono giocattoli. Purtroppo è una moda passeggera possederne uno”.

Contattata, la procura di Créteil comunica di non aver aperto un procedimento sulla sparatoria della polizia. “È un caso d’uso. La polizia è intervenuta per salvare questa signora che era in grave pericolo”. D’altra parte, il gip specifica che l’uomo arrestato è stato posto in custodia cautelare e sarà perseguito per oltraggio e ribellione.

Leave a Comment