Animali. L’ultimo viaggio di Rex, il cane martire con milioni di visualizzazioni sui social

Triste epilogo per Rex, il cane martire raccolto dalle SPA di Strasburgo, che ha beneficiato solo di un breve pensionamento di pochi mesi presso una famiglia della Mosella. La pagina Facebook Mes chouchous de la SPA ha annunciato la notizia oscura: “REX, il tesoro con milioni di visualizzazioni su Facebook, è morto questa mattina, primo giorno dell’estate 2022. La sua salute è improvvisamente peggiorata. Sabato sera nonostante la sua visita mensile al veterinario il giorno prima e l’intervento urgente di un veterinario a domicilio lunedì pomeriggio”.

Trascorse la sua vecchiaia a Philippsburg

Questo pastore tedesco era stato soccorso nel gennaio 2021 dalle SPA dopo aver trascorso otto anni rinchiuso in un piccolo capannone di una cittadina nel sud del Basso Reno, costretto a dormire sui suoi escrementi. Segnalati dai residenti locali, i sospetti di maltrattamento del cane erano stati confermati da un dipendente della SPA che aveva scoperto l’animale. Lo sfortunato Loulou era stato poi accolto dal canile dopo che i suoi padroni avevano acconsentito a firmare i documenti di abbandono. Era avvenuta una delicata operazione di rimpatrio; il temibile cane doveva essere stato addormentato con una pistola ipodermica.

La storia raccontata sui social ha fatto il giro del pianeta, generando decine di migliaia di commenti, condivisioni e like. Le proposte di adozione erano arrivate dagli Stati Uniti, dall’Inghilterra e da tutta la Francia. L’album fotografico di REX ha raggiunto i due milioni di visualizzazioni su Facebook nel 2021.

Questo contenuto è bloccato perché non hai accettato i cookie.

Cliccando su ” Accetto “i cookie verranno memorizzati e potrai visualizzarne il contenuto .

Cliccando su “Accetto tutti i cookie”autorizzi il deposito di cookie per la memorizzazione dei tuoi dati sui nostri siti e applicazioni ai fini della personalizzazione e del targeting pubblicitario.

Hai la possibilità di revocare il tuo consenso in qualsiasi momento.
Gestisci le mie scelte


La famiglia ospitante molto colpita

Nonostante il suo passato difficile, Rex non ha avuto problemi comportamentali. “Abbiamo avuto l’opportunità di dargli il percorso di vita che merita. Non abbiamo esitato, era fuori questione che rimanga ancora al rifugio “, hanno affermato DNA Jean-Luc Dreux e sua moglie, i suoi nuovi maestri. “La mattina mi sveglio verso le 7 del mattino, mi metto sul bordo del letto e inizia la prima sessione di coccole. […] Gli mancava per anni, è felice di uscire e stare con qualcuno. Quando sappiamo cosa ha sofferto, i poveri, siamo super felici di vederlo così. »

Sfortunatamente, questa felicità fu di breve durata: “I suoi padroni lo vegliarono giorno e notte durante questa ondata di caldo. Rex ha esalato l’ultimo respiro stamattina. La famiglia è devastata e inconsolabile”, prosegue in un testo di omaggio la pagina Mes chouchous de la SPA. “Lascerà un grande vuoto all’interno della famiglia e dei volontari che lo hanno seguito da vicino. Questo simpatico “Piccolo angelo” non è proprio nato sotto una stella fortunata! Riposa in pace. »

Molto colpita, mercoledì non è stato possibile raggiungere la famiglia Dreux. La presidente della SPA di Strasburgo Marie Amalfitano ha invece confermato l’informazione, indicando che due volontari avevano visitato gli adottanti.

Leave a Comment