Alta Garonna: 24 pecore uccise da due cani randagi a Villeneuve-de-Rivière

l’essenziale
Domenica mattina, Nicolas Camps, allevatore di pecore a Villeneuve-de-Rivière (vicino a Saint-Gaudens), ha perso 24 animali. In questione, due husky che sono entrati saltando il cancello della sua fattoria e del suo ovile.

Erano già passati alcuni giorni da quando Nicolas Camps aveva notato questi due cani che vagavano nei pressi della sua fattoria. L’allevatore di pecore ha immediatamente avvertito la polizia.

Tuttavia, questa domenica mattina, 10 aprile, Nicolas è stato chiamato d’urgenza dalla madre: “Mi ha avvertito che nella fattoria vicino agli animali c’erano due cani. Si sentiva belare. Purtroppo, quando sono arrivato, avevano già uccise molte bestie”. La carneficina che non si ferma qui: “Sul posto molti animali sono rimasti feriti e, nonostante le cure, hanno dovuto essere morsi”, aggiunge l’allevatore.

Gli autori dell’attacco: due Husky. Di fronte ai carnefici dei suoi animali, Nicolas vuole solo una cosa, riuscire a catturarli per farli identificare dalla polizia. “Uno dei due cani ha cercato di scappare, ma l’altro è rimasto nel recinto dei miei animali. Il veterinario è riuscito a determinare i proprietari, poi è stata la polizia a chiedere loro di venire sul posto per vedere i danni”, testimonia Nicolas. I cani sono stati affidati al canile in attesa di decidere il loro destino, la procedura è in corso.

19 agnelli e 5 pecore

In totale l’allevatore ha perso 19 agnelli e 5 pecore. Non era la prima volta che Nicolas denunciava la presenza di cani pericolosi vicino alla sua proprietà. In seguito alla perdita di un quarto della sua mandria, l’allevatore dubita: “Avevo già depositato un corrimano un mese fa, ancora lo sto depositando di nuovo, sempre per gli stessi cani. Non so più cosa fare. Non non so se continuerò il mio allevamento”.

Per il momento Nicolas, aiutato dal figlio Thiméo, è principalmente preoccupato per le conseguenze lasciate dopo questa carneficina. Oltre allo stress, sono anche gli infortuni a ostacolare il loro lavoro: “Molte pecore hanno già perso i loro agnelli, quindi dobbiamo prenderci cura del loro latte. Ci aspettiamo anche un ritardo di crescita in alcuni agnelli che hanno perso la madre”, enumera Nicolas che insiste: “Voglio essere chiaro, non ho niente contro i cani del vicinato, ma i randagi sono un pericolo permanente per i miei animali. Tutti vogliono cani di categoria pericolosa. Lui educa anche i padroni”.

Leave a Comment