Allergie ai pollini e Covid-19: prurito, mal di gola… come differenziare i sintomi?

l’essenziale
Aiutando la primavera, le allergie ai pollini sono sempre più frequenti. Difficile distinguerli dalla contaminazione da Covid-19. La Dépêche du Midi ti offre alcuni modi per fare la differenza.

È un peso annuale! L’arrivo del bel tempo in Francia è accompagnato da picchi pollinici particolarmente elevati. Il nord del Paese è in allerta rossa a causa della betulla, la metà meridionale in allerta gialla a causa del platano. I francesi sensibili a questo flagello sono invitati a togliere i fazzoletti… Ma in questo contesto di pandemia, non è facile differenziare i sintomi del Covid-19 da quelli di un’allergia ai pollini. Il Midi Invio fare il punto.

Allergie, Covid-19: perché è difficile differenziarle?

Con il progredire della pandemia, sintomi legate a un’infezione da Covid-19 sono cambiate a seconda delle varianti. Se prima il virus attaccava di più sistema respiratorio persone ha contagiato, oggi ne colpisce molte di più la sfera ORL : “Questo include il viso, l’orecchio (interno ed esterno), il naso, i seni paranasali, la bocca e la lingua, la gola (laringe, trachea, ecc.), le ghiandole salivari, la tiroide e il collo” , elenca il medico generico di Fronton, Jérôme Marty.

Leggi anche:
Covid-19: “ipossia”, “nebbia cerebrale”… questi nuovi sintomi che possono far sapere se si è contagiati

La colpa di sottovariante BA.2fratello minore di Omicron, che oggi rappresenta oltre il 92% dei casi di contaminazione nel Paese: “La variante Omicron e la sua sottovariante BA.2 andranno a “nidificare” nelle vie aeree superiori mentre prima il virus andava a colpire i bronchi”, spiega il medico. La sfera ORL è anche la zona del corpo umano più colpita da una possibile allergia ai pollini. La confusione è quindi frequente.

Come differenziarli?

Innanzitutto concentrandoci sui sintomi! Lato Covid-19sono noti: “Quello che esce più frequentemente sono i mal di gola, il male alla testa e un fatica comune“, osserva Jérôme Marty. Questi sono spesso accompagnati da a tosse secca“laringeo più che bronchiale” con difficoltà di deglutizione. Anche febbre, brividi, dolori muscolari, perdita del gusto o dell’olfatto e difficoltà respiratorie sono specificamente associati al Covid-19.

Leggi anche:
Sintomo del Covid-19: finalmente note le cause esatte della perdita dell’olfatto?

Lato allergicoi sintomi di rinite sono i più descritti: si tratta di attacchi di starnuti, naso che cola o intasato regolarmente e possibili prurito a livello delle narici. Il paziente può anche lamentarsi prurito in golaocchi rossi o che lacrimano e potenziale difficoltà di respirazione. Si tratta di un sintomo condiviso con il Covid-19, anche se oggi viene citato meno frequentemente nel caso di contaminazione da SARS-CoV-2.

Un dubbio ? Fai un test PCR

In caso di dubbio, è importante eseguire un test di screening PCR per scoprire se si è infettati dal virus. Se è negativo ma le tue allergie ti stanno ostacolando, vai dal tuo medico in modo che possa adattare i tuoi trattamenti contro allergie e asma, se necessario.

Leggi anche:
Covid-19: cos’è la groppa, questo nuovo sintomo di Omicron nei bambini?

In caso di test PCR positivo, “puoi continuare ad assumere i tuoi trattamenti abituali (inalatori, compresse). Non vi è alcun rischio associato ai trattamenti antiallergici, compresi i corticosteroidi che vengono prescritti a basse dosi nell’ambito delle allergie”. Infine, tieni presente che negli asmatici “un’infezione da Covid-19 […] sarà tanto meno grave man mano che l’asma si stabilizza”, segnala l’associazione Asma e allergie sul proprio sito web.

Leave a Comment