330 casi confermati in Francia

In totale, sono stati rilevati più di 3200 casi di vaiolo delle scimmie in tutto il mondo. Giovedì l’OMS ha invitato i paesi a essere vigili e trasparenti di fronte a questo raro focolaio.

Giovedì la Francia ha avuto 330 casi confermati di infezione con il virus del vaiolo delle scimmie, hanno annunciato le autorità sanitarie, aggiungendo che la prima donna infetta aveva un partner che in precedenza aveva riportato un’eruzione cutanea. “Al 23 giugno 2022 alle 14:00, in Francia sono stati segnalati 330 casi confermati di vaiolo delle scimmie”, ha dichiarato l’Agenzia di sanità pubblica Francia sul suo sito. Il rapporto precedente, martedì, riportava 277 casi, tra cui, per la prima volta, una donna.

Nel caso di questo “giovane donna”, ha detto l’agenzia sanitaria giovedì, “il partner (non testato) ha riferito di aver avuto un’eruzione cutanea 3 settimane prima”. Finora, l’attuale epidemia di vaiolo delle scimmie, che sta colpendo una quarantina di paesi, riguarda principalmente ma non esclusivamente uomini che hanno avuto rapporti omosessuali, senza alcun legame diretto con persone di ritorno da aree endemiche.

Più di 3200 casi in tutto il mondo

Giovedì l’OMS ha invitato i paesi a essere vigili e trasparenti di fronte a un raro focolaio di oltre 3.200 casi di vaiolo delle scimmie in tutto il mondo, in attesa di decidere se innesca il livello di allerta più alto. La sua decisione se la situazione costituisca a “Emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale” non dovrebbe essere noto almeno fino a venerdì. Il vaiolo delle scimmie si manifesta prima come febbre alta e progredisce rapidamente in un’eruzione cutanea. La malattia, finora contenuta in una dozzina di paesi africani, di solito guarisce spontaneamente dopo due o tre settimane.

Di tutti i casi osservati in Francia, ci sono “227 in Ile-de-France, 22 in Occitania, 21 in Auvergne-Rhône-Alpes, 19 in Nouvelle-Aquitaine, 14 in Hauts-de-France, 14 in Provenza-Alpi-Costa Azzurra, 6 in Normandia, 3 in Bretagna, 1 in Centre-Val de Loire, 1 in Bourgogne-Franche-Comté, 1 in Pays de la Loire e 1 in Grand-Est”, dettagliare le autorità sanitarie. Tra i casi studiati, il 77% presentava un’eruzione genito-anale, il 73% un’eruzione cutanea in un’altra parte del corpo, il 71% una febbre, ecc. Tra i casi studiati, 13 sono immunocompromessi. Nessuno è morto.

.

Leave a Comment